Africa, tutte le donne hanno diritto a una buona salute sessuale e riproduttiva

by Amref Health Africa

In Africa, spesso l’accesso ai servizi per la salute riproduttiva dei giovani è estremamente limitato. Amref opera quindi nel continente africano per garantire l’accesso a una salute sessuale e riproduttiva di qualità, elemento chiave della mission dell’organizzazione, che è impegnata per promuovere e assicurare il diritto alla salute.

L’infermiera Victoria Sichinga lavora nella clinica sanitaria di Lulanga da quasi 22 anni, e sottolinea l’importanza di lavorare con i giovani “Ci dedichiamo molto al dialogo con i giovani. Con loro parliamo di salute, dei rischi del sesso non protetto e delle gravidanze precoci, fornendogli informazioni e accesso ai diversi metodi contraccettivi. Lo facciamo non solo all’interno della clinica sanitaria, ma soprattutto nei club giovanili, dove non ci sono adulti e i ragazzi sono più a loro agio.”

In Africa sub-sahariana, per molte donne e ragazze, l’accesso ai metodi anticoncezionali è ancora una rarità, con il 21% delle donne nella regione che non ha accesso a contraccettivi moderni e di qualità. L’alta incidenza di gravidanze indesiderate è una realtà che non solo ha ripercussioni sulla salute psicologica delle madri, ma talvolta anche sul loro sviluppo personale. Oltre ad allontanare le ragazze dal loro percorso scolastico e formativo infatti, le gravidanze indesiderate possono portare a serie complicanze fisiche, insorte in seguito al parto o ad aborti illegali.

Thokozani Banda, volontaria di Amref, spiega che “il punto di forza dei progetti di Amref sulla salute sessuale e riproduttiva è l’approccio degli operatori che, attraverso un linguaggio adatto ai beneficiari, riescono a farsi realmente ascoltare. Ad esempio, io sono una volontaria nel progetto ‘Stand Up for Adolescents’ e ho 19 anni, più o meno la stessa età dei ragazzi toccati dal progetto e conosco le problematiche e i dubbi che possono affliggerli. Quando parlo con loro siamo sullo stesso livello, è una conversazione informale che li mette a loro agio; questo fa sì che mi ascoltino veramente e capiscano l’importanza di quello che dico”.

Amref ritiene che sia un diritto di tutte le donne godere di una buona salute sessuale e riproduttiva, e, oltre a garantire l’accesso a contraccettivi di qualità, si impegna per promuovere una corretta informazione e consapevolezza su queste tematiche.

L’empowerment femminile è un aspetto fondamentale del lavoro di Amref Health Africa, che investe in numerosi progetti per far sì che le donne e le ragazze ricevano un’istruzione adeguata, che si sviluppino economicamente e che ottengano pari accesso al mercato del lavoro.

Per raggiungere questi obiettivi, aspetto chiave del lavoro di Amref è la collaborazione con numerosi governi e partner della società civile. Attraverso l’ideazione e l’implementazione di attività di advocacy e di policy-building, Amref influenza le politiche governative affinché le istituzioni investano maggiormente nei sistemi sanitari nazionali e in materiali e corsi informativi sulle tematiche legate alla salute sessuale e riproduttiva per i giovani.

Uno dei maggiori ostacoli è la mancanza di empowerment della comunità stessa e un coinvolgimento sufficiente degli abitanti nelle questioni che riguardano la loro salute. I progetti di Amref hanno quindi un approccio inclusivo, che mira a rendere partecipe del processo di cambiamento tutta la comunità, uomini, donne, giovani e leader religiosi. In questo modo si assicura che il cambiamento sia durevole e sostenibile, agendo strutturalmente sui problemi e generando un forte sistema di supporto nel cuore delle comunità.

Article first published on http://www.vita.it/it/article/2019/09/26/africa-tutte-le-donne-hanno-diritto-a-una-buona-salute-sessuale-e-ripr/152762/

You may also like

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More