Amref, Ccm e Ciai lanciano una raccolta fondi per l’Asl Città di Torino

by Amref Health Africa

Entro il 31 marzo le tre ong contano di poter chiudere la raccolta, auspicando una buona risposta da parte dei propri abituali sostenitori

Operano prevalentemente in Africa, Oriente, America Latina. Ma oggi, in una situazione come quella che stiamo drammaticamente vivendo nel nostro Paese, hanno deciso che fosse importante mettersi in gioco soprattutto in Italia.  

Amref Health Africa-Italia, CCM e CIAI sono le tre Ong che hanno scelto di unirsi per lanciare una raccolta fondi straordinaria, che possa offrire un concreto e reale contributo ad altrettante strutture sanitarie particolarmente impegnate a fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

I fondi raccolti saranno al 100% devoluti  -in parti uguali-  all’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, all’Ospedale Sacco di Milano e agli ospedali dell’Asl Città di Torino.  

Pur non essendo un’organizzazione che si occupa nello specifico di sanità – sottolinea il presidente di CIAI Paola Crestani – riconosciamo l’urgenza di attivarci immediatamente e dare supporto in quest’ambito in Italia, per fronteggiare questo momento straordinario”.

La dura prova che ci sta toccando ci mostra come la salute di ogni Paese, di ogni Continente ci riguardi da vicino. Come organizzazione sanitaria, che opera in Africa, stiamo formando operatori sanitari per proteggere le comunità dal Covid-19. In virtù di questa vicinanza sentiamo forte il dovere di sostenere anche in Italia i sistemi sanitari“, ha dichiarato Guglielmo Micucci, Direttore di Amref Health -Africa Italia

Come organizzazione sanitaria – dice Ugo Marchisio, Presidente di CCM – siamo da sempre a fianco dei servizi sanitari e delle comunità, in Africa e in Italia, per rendere sempre più reale il diritto alla salute. In questo momento difficile, riconosciamo il dovere di impegnarci concretamente per dare un sostegno al nostro territorio e un supporto alle strutture sanitarie locali”. 

Come avviene la raccolta

Innanzitutto i tempi che non possono non tener conto della situazione di emergenza: entro il 31 marzo le 3 organizzazioni contano di poter chiudere la raccolta, auspicando una buona risposta da parte dei propri abituali sostenitori (e non solo).

Le strutture hanno immediato bisogno di materiali di protezione individuale, come mascherine e guanti, e devono sopportare costi molto alti per l’acquisto dei ventilatori per terapia intensiva e semi-intensiva.  

Poi le modalità: i fondi confluiranno su un’unica piattaforma di raccolta online messa a disposizione da Amref Health-Africa Italia, che si impegna a raccogliere e gestire i contributi pervenuti, devolvendo, al termine della Campagna, il 100% dell’importo raccolto alle strutture sanitarie pubbliche beneficiarie.  

Article first published on IlNazionale.it

You may also like

Leave a Comment

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More